Io sono ancora qua

Buongiorno,
svegliarsi una mattina, iniziare la tua giornata senza pensare minimamente a ciò che da lì a poche ore avrebbe stravolto la tua vita… (già precedentemente stravolta dalla morte di mio marito). Mesi prima senti al seno un piccolo nodulo, grande come un chicco di riso… ma avendo altro a cui pensare, accantonai tutto, nel dimenticato… fino a novembre inoltrato quando accompagnai una mia amica per una visita senologica… oramai ero li, presi anche io un appuntamento per la settimana successiva… forse destino o forse non so… si libera un posto e per non perderlo lo offrono a me… solita prassi dei dati personali… inizia la visita… la faccia del medico che cambia espressione… il mio primo campanello d allarme…
Immediatamente in ospedale per una mammografia urgente… ed ecco che… come nell’uovo di pasqua trovano una sorpresa di 3,50 cm… diagnosi di tumore maligno, necessita intervento asportazione seno sinistro con svuotamento ascellare per 5 linfonodi in metastasi…
22 dicembre del 2015 sotto i ferri… dimissione dall’ospedale il 3 gennaio 2016… il massimo passare Natale e Capodanno fuori casa… quindi ulteriore sofferenza ai miei figli, che neanche sette mesi prima, avevano perso il padre sempre per un tumore al colon retto…
Comunque andato tutto bene l’intervento, si inizia il percorso in oncologia… 6 sedute di chemio ogni 21 giorni… per mesi lottare con la stanchezza… gli sguardi della gente che incontravi per strada, quegli sguardi di compassione che mi facevano incavolare, la perdita di capelli… ora mi guardo allo specchio e vedo una donna che nonostante tutto ha avuto la forza di rialzarsi e continuare ad andare avanti, tra alti e bassi… sorretta da tre meravigliosi figli che non mi hanno mai lasciata sola… una donna che ha pianto quando davanti allo specchio ha visto ricrescere i capelli, che ha pianto quando ha sentito di esser viva… una donna che apprezza ogni giorno, ogni piccolo gesto… perché questa donna è viva… ecco perché urlo IO SONO QUA…
Franca