Non mi rassegno, io corro

Ciao, mi chiamo Simonetta, la mia storia comincia nel luglio 2012 all’età di 42 anni, quando sotto la doccia ho sentito uno strano nodulino… Vado a fare subito un’ecografia e il medico ha visto che si trattava di qualcosa di serio e di avanzato… mi ha chiesto quando avevo fatto l’ultima ecografia o mammografia ed io ho risposto che non ne avevo mai fatte… cosa mi ha detto dopo ve lo lascio immaginare. Ovviamente mi ha mandato a fare l’esame dell’ago aspirato urgentemente e lì il medico ha visto subito un nodulo al seno sinistro, poi ha controllato con l’ecografo altre parti del corpo e ha visto qualcosa di strano anche al fegato. Quanta paura e disperazione, pensavo di dover morire. Ho dovuto fare una serie di esami diagnostici che mi hanno confermato il tumore al seno con metastasi al fegato… prima ho dovuto fare 6 cicli di chemio e poi una mastectomia sx. Il mio tumore si era ridotto talmente tanto che i chirurghi di Savona non ritenevano necessario di operarmi al fegato, allora mi sono rivolta all’ospedale, dove sono stata tenuta sotto controllo per un po’ e poi hanno deciso di operarmi. Mi hanno tolto tutta la parte destra del fegato, ma non importa, nel mio corpo da allora non c’è più traccia di tumore e io sto benissimo. Ho vinto io e sono felice… ripenso sempre a tutto quello che ho passato, alle parole dei medici che mi dicevano che non sarei mai guarita, che avrei dovuto conviverci, ed io non mi sono mai rassegnata perché sentivo che ero più forte della mia malattia. Dopodiché ho ripreso la mia vita di sempre, ma ho aggiunto anche un’altra cosa, la corsa… dapprima era solo un modo per perdere peso poi è diventata parte integrante della mia vita, ho cominciato a fare qualche gara, prima qualche 10 km, poi qualche mezza maratona… durante le gare mi sembrava di vedere il mio percorso…. la partenza piena di ansia, la sofferenza durante la corsa in cui dai tutto e la soddisfazione e la gioia all’arrivo… emozioni meravigliose… il 6/11/2016 corro alla mitica maratona di New York, un’esperienza fantastica che mi riempie di orgoglio soprattutto in seguito al mio percorso… è stato bello portare ai medici che mi hanno seguito la medaglia che mi hanno dato all’arrivo della maratona, si leggeva nei loro occhi la commozione per il mio e il loro successo. Non contenta ho corso alla maratona di Padova il 23/4/2017 e mi sono già iscritta alla prossima maratona di Firenze il 26/11/2017. La corsa è diventata la chiara dimostrazione per me e gli altri che dal cancro si può e si deve guarire e sono contenta se, raccontando la mia storia riesco a regalare un po’ di speranza a quelle persone che stanno ancora lottando…